fbpx

Vorrei poter dire:
cavatemi dallo sbattere quotidiano
con le pareti disumane delle anime nere
dallo scambio obbligato
con la tempesta delle parole inutili
di certe vecchie zampogne sconcertate.


Sassi infiniti, di lor contar sconfitto,
sembran semenze a fecondar la terra,
d'essi il mistero d'un partorir d'essenze.

Secca spianata d'un tardo mondo afflitto,
perdette irriguo, fu al Dogma donata,
terra fatata, mi guardo in tondo ambiguo.


Ho visto uomini senza identità
nel cielo aperto delle stanze
ho udito voci senza suono
mentre la sera calava in fretta
ho visto bambini lanciare sassi
negli specchi d'acqua
cerchi che s'allargavano all'infinito.

'Nu calamaru, 'na pinna, 'nu quadernu!
Macchi di 'nchjostru supo tavulinu!
'Na lumera e 'npoch'i luci
sup'all'occhi chi cercavanu penzeri
e 'na candila chi squagghjava cira
comu lu chjantu di li tempi antichi!