fbpx
  • Premio Inedito 2022 Rhegium Julii
  • Incontro con la scrittrice Nadia Crucitti

    Incontro con la scrittrice Nadia Crucitti

  • Incontro con l'astrofisico Amedeo Balbi

    Incontro con l'astrofisico Amedeo Balbi

  • Incontro con Direttore  del quotidiano la Gazzetta del Sud, Alessandro Notarstefano

    Incontro con il Direttore del quotidiano la Gazzetta del Sud, Alessandro Notarstefano

  • Aurelio Musi storico

    Caffè letterari 2022: Incontro con lo storico Aurelio Musi

  • Annalisa Cuzzocrea giornalista, Rhegium Julii

    La giornalista Annalisa Cuzzocrea secondo ospite dei caffè letterari del Rhegium Julii 2022

  • Aldo Nove

    Aldo Nove, poeta e scrittore, primo ospite Caffè letterari 2022

  • Caffe letterari 2022
  • A las siete de la tarde
  • Incontro con l'autore Giuseppe Bova

    Logos: Incontro con l'autore Giuseppe Bova

  • Incontro con l'autore Natale Pace

    Logos : Incontro con l'autore Natale Pace

  • Incontro con l'autore Michele Caccamo

    Incontro con l'autore Michele Caccamo

  • Pierluigi Vercesi

    Giornata Mondiale della Poesia 2022: Incontro con l'autore Pierluigi Vercesi

  • Premio Inedito Header
  • Premi Nazionali Rheghium Julii 2020/2021

    Premi Rheghium Julii 2020/2021: Giuseppe Aloe (Premio Corrado Alvaro per la narrativa) 

 

Il 2 maggio prossimo, presso la sala Gilda Trisolini del Circolo Culturale "Rhegium Julii", sito in Via Aschenez 239, alle ore 17.30, si terrà un cenacolo letterario che vedrà protagonista uno studioso reggino, Domenico Fedele,  autore di un libro di grande interesse storico: L'informazione reggina dal 1860 al 1945.

In una interessante recensione al libro l'editore Franco Arcidiaco definisce questo lavoro una galoppata di 85 anni di storia  passata ad esaminare oltre 250 testate giornalistiche di varia periodicità.

L'importanza di questa indagine si coglie subito tra le righe, vicende che hanno interessato l'Unità d'Italia, la sua Ricostruzione, la Grande Guerra, il fascismo, la seconda guerra mondiale, con ricerche condotte anche fuori da questo territorio e, tra queste, anche la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

La ricerca condotta con grande rigore consente di scoprire come Reggio Calabria sia stata sempre  una città ricca di stimoli e fermenti culturali di vasta portata, frenata nella sua attrattività da alcuni fattori fortemente condizionanti: l'individualismo, l'autoreferenzialità fine a sè stessa, il municipalismo.