fbpx
  • Premio Inedito 2022 Rhegium Julii
  • Incontro con la scrittrice Nadia Crucitti

    Incontro con la scrittrice Nadia Crucitti

  • Incontro con l'astrofisico Amedeo Balbi

    Incontro con l'astrofisico Amedeo Balbi

  • Incontro con Direttore  del quotidiano la Gazzetta del Sud, Alessandro Notarstefano

    Incontro con il Direttore del quotidiano la Gazzetta del Sud, Alessandro Notarstefano

  • Aurelio Musi storico

    Caffè letterari 2022: Incontro con lo storico Aurelio Musi

  • Annalisa Cuzzocrea giornalista, Rhegium Julii

    La giornalista Annalisa Cuzzocrea secondo ospite dei caffè letterari del Rhegium Julii 2022

  • Aldo Nove

    Aldo Nove, poeta e scrittore, primo ospite Caffè letterari 2022

  • Caffe letterari 2022
  • A las siete de la tarde
  • Incontro con l'autore Giuseppe Bova

    Logos: Incontro con l'autore Giuseppe Bova

  • Incontro con l'autore Natale Pace

    Logos : Incontro con l'autore Natale Pace

  • Incontro con l'autore Michele Caccamo

    Incontro con l'autore Michele Caccamo

  • Pierluigi Vercesi

    Giornata Mondiale della Poesia 2022: Incontro con l'autore Pierluigi Vercesi

  • Premio Inedito Header
  • Premi Nazionali Rheghium Julii 2020/2021

    Premi Rheghium Julii 2020/2021: Giuseppe Aloe (Premio Corrado Alvaro per la narrativa) 

Il 26 aprile prossimo, presso l'antico refettorio dei Padri Cappuccini della Basilica Madonna della Consolazione all'eremo, alle ore 17, verrà presentata un'antologia poetica di Padre Giuseppe Sinopoli.

La serata intitolata la poesia della rinascita sarà introdotta dal Prof. Franco Barillà consigliere del Rhegium Julii, dal Dott. Franco Arcidiaco, Direttore della Società editrice Città del sole e dal parroco e padre superiore della basilica Antonio Marranchella. Sono stati chiamati a relazionare la Prof.ssa Pina De Felice (Oltre i pensieri), Ilda Tripodi e Pino Bova (Rintocchi di sole). Voce recitante Ilda Tripodi e lo stesso autore.

Giuseppe Sinopoli, come tutti i poeti dagli orizzonti elevati, propone all'attenzione della Città due lavori vibranti che colgono tutti i linguaggi della vita, quelli positivi dell'amore, della bellezza, della voglia di resurrezione, ma anche quelli negativi che intristicono l'esistenza come il dolore, la sofferenza, la violenza.

I suoni, i colori, i paesaggi, le creature attraversano i suoi sentimenti e appaiono come il film del miracolo pensato da un grande Amore che è fuori di noi. Lo stupore allora si fa immenso, così come grande si fa l'ascolto e il desiderio di coinvolgimento.

La poesia ha sempre avuto la forza catartica e terapeutica di esorcizzare le paure, di sopravanzare la presenza del male, di preparare la rinascita.

E' la ragione per cui Sinopoli scrive e la sua ricerca  diventa ricerca del rifugio e così la poesia che appare come una sindone destinata ad affascinare per la capacità di far trionfare lo spirito.

Il poeta ha questa spinta alla trascendenza, lo stimolo ad andare oltre. E il suo canto è una musica che si fa concerto aprendo spazi infiniti per l'anima indifesa.